Seguici su Twitter | | Lunedì, 25 Settembre 2017 | English Version
Rete Imprese Italia
Home Chi siamo Associazioni di settore Rete territoriale Enti e società Servizi e Uffici centrali Europa
Comunicati Stampa Appuntamenti Per il Sistema Convenzioni Contatti e links

Login
Registrati
Scrivi al sito

UFFICI CENTRALI

Dipartimento Politiche Comunitarie

Responsabile Organizzazione

Ufficio Economico

Ufficio Legislativo

Ufficio Politiche del Lavoro

Ufficio Politiche Finanziarie e Credito

Ufficio Rapporti Istituzionali

Ufficio Stampa e Comunicazione

Ufficio Tributario


Ufficio Tributario


Dal 1° gennaio 2013 fatture con numerazione univoca

La numerazione univoca delle fatture è prevista dalla direttiva n.45/2010 del Consiglio dell’Unione europea del 13 luglio 2010 e dalla Legge di stabilità n.228/2012 comma 325 lettera d) che modifica l’articolo 21, comma 2 lett. b), del D.P.R. Iva n. 633/72 riguardante, tra l'altro, gli elementi obbligatori che deve contenere la fattura. La nuova formulazione dell’art. 21 non prevede più, come in passato, la numerazione della fattura  in ordine progressivo per anno solare, ma la numerazione progressiva che identifichi la fattura in maniera univoca. A seguito dell’incertezza emersa negli intermediari e nei contribuenti sulle modalità applicative della citata normativa, l’Agenzia delle Entrate è intervenuta con la risoluzione n. 1/E del 10/1/2013 (v. allegato) per chiarire i dubbi e per affermare che  il tipo di numerazione progressiva adottata è  idonea se garantisce l’identificazione univoca della fattura. E prospetta, a decorrere dal 1° gennaio 2013, varie soluzioni:

- adozione di una numerazione progressiva che, partendo dal numero 1, prosegua ininterrottamente per tutti gli anni solari di attività del contribuente, fino alla cessazione dell’attività stessa;

- una numerazione progressiva che dal 1° gennaio 2013 può iniziare dal numero successivo a quello dell’ultima fattura emessa nel 2012 anche se la numerazione non inizi da 1;

- continuare ad adottare, se più agevole per il contribuente, il sistema di numerazione progressiva per anno solare con la contestuale presenza nel documento della data quale elemento obbligatorio della fattura e con le seguenti modalità di numerazione progressiva all’interno di ciascun anno solare:

Fatt. n. 1    Fatt. n. 2   ….......

Fatt. n. 1/2013 (oppure n. 2013/1)   Fatt. n. 2/2013 (oppure n. 2013/2) ….......

Ed.110113 Serafinelli

Allegato - 40808 byte
Ecco il bollettino di c/c postale per versare l’IMU.

Il modello, approvato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze con decreto 23 novembre 2012, è stato pubblicato nella G.U. n. 280 del 30 novembre 2012 (v. allegato). Il modello di bollettino di conto corrente postale, diversamente dall’Ici, riporta, tra l’altro, obbligatoriamente il numero di conto corrente: 1008857615, valido indistintamente per tutti i Comuni del territorio nazionale. Su tale conto corrente non è ammessa l'effettuazione di versamenti tramite bonifico. La società Poste Italiane S.p.A. provvederà a proprie spese alla stampa dei bollettini e ne assicurerà la disponibilità gratuita presso gli uffici postali. Ciascun Comune potrà eventualmente richiedere a Poste Italiane S.p.A. l'integrazione dei bollettini di conto corrente postale con l’importo del tributo predeterminato e dei dati identificativi del versante. Ed.011212 Serafinelli
Allegato - 572420 byte
Le prossime scadenze IMU 2012

Il Ministero dell'Economia e delle Finanze nel comunicato stampa n. 153 del 31 ottobre 2012 ricorda le prossime scadenze riguardanti l'IMU (imposta municipale propria).

In particolare che:

·         Il 31 ottobre 2012, scade il termine entro il quale i Comuni possono approvare o modificare il regolamento e la deliberazione relativa alle aliquote IMU. Nel caso in cui i Comuni non dovessero deliberare sulle aliquote, si applicheranno quelle previste dall'articolo 13 del decreto legge n. 201/2011 e cioè: 0,4 per cento per l'abitazione principale e per le relative pertinenze, 0,2 per cento per i fabbricati rurali ad uso strumentale, 0,76 per cento per gli altri immobili.

·         Resta fissato al 30 novembre 2012 il termine per la presentazione della dichiarazione IMU, per quanto riguarda gli immobili per i quali l'obbligo dichiarativo è sorto dal 1° gennaio 2012 (v. allegato decreto approvazione, modello ed istruzioni).

·         Il termine per il versamento a saldo dell'IMU è stabilito al prossimo 17 dicembre 2012.

Ed.311012 Serafinelli

 

Allegato - 709394 byte
Scade il 29 ottobre 2012 la comunicazione dei contratti leasing e noleggio

Nel comunicato stampa del 26/6/2012 (v.allegato) l’Agenzia delle Entrate informa che il direttore dell’Agenzia delle Entrate con un apposito provvedimento proroga al 29 ottobre 2012 il termine, inizialmente fissato al  30 giugno p.v., per la comunicazione dei contratti di leasing e di noleggio. La proroga si è resa necessaria per facilitare gli operatori a reperire e produrre, per la prima volta, le informazioni da comunicare all’Anagrafe tributaria e per adeguare i loro applicativi informatizzati. Con lo slittamento della scadenza, l’Agenzia delle Entrate ha preso atto delle difficoltà tecniche evidenziate dalle Associazioni di categoria. Ed.270612 Serafinelli

 

Allegato - 25614 byte
Prorogato al 31 gennaio 2012 il termine di presentazione dello Spesometro

Lo stabilisce un provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate che concede un mese in più per trasmettere i dati di acquisti, cessioni e prestazioni, rese e ricevute, nel periodo d’imposta 2010, di importo non inferiore a 25.000 euro. Il nuovo termine sostituisce il vecchio fissato al 31 dicembre 2011. Si tratta della comunicazione obbligatoria prevista dall’articolo 21 del Decreto legge 78/2010 (spesometro) per gli acquisti e le cessioni di beni, le prestazioni di servizi effettuate e ricevute. A regime, la comunicazione dovrà essere, invece, trasmessa entro il 30 aprile di ciascun anno successivo alla scadenza del periodo d’imposta di riferimento per tutte le movimentazioni di valore pari o superiore a 3.000 euro al netto dell’Iva ovvero a 3.600 euro, Iva inclusa, per le operazioni senza obbligo di emissione della fattura. In materia “spesometro”, nel sito dell’Agenzia delle Entrate è possibile consultare documenti di normativa, prassi amministrativa e le risposte ai quesiti delle associazioni di categoria fornite dall’Amministrazione finanziaria. Ed.221211 Serafinelli
Dal 1° gennaio 2012 aumenta il tasso d’interesse legale dall’1,5% al 2,5%

A decorrere dal 1° gennaio 2012 il saggio d’interesse legale su base annua, di cui all'art. 1284 del Codice Civile, sale di un punto percentuale passando dall’1,5% al 2,5%. Lo stabilisce il Ministro dell'Economia e delle Finanze con Decreto 12 dicembre 2011, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 291 del 15 dicembre 2011. L’aumento produrrà, tra l’altro, anche un maggior costo per coloro che si avvarranno del ravvedimento operoso per ritardato od omesso versamento di imposte e presentazione di dichiarazione.

 

        Tabella storica del saggio d'interesse legale

Tasso legale

Dal

Al

5%

21/4/1942

15/12/1990

10%

16/12/1990

31/12/1996

5%

1/1/1997

31/12/1998

2,5%

1/1/1999

31/12/2000

3,5%

1/1/2001

31/12/2001

3,0%

1/1/2002

31/12/2003

2,5%

1/1/2004

31/12/2007

3,0%

1/1/2008

31/12/2009

1,0%

1/1/2010

31/12/2010

1,5%

1/1/2011

31/12/2011

2,5%

1/1/2012

---

    Ed.161211-Serafinelli

Nuovi Codici Tributo per versamenti parziali da 36-bis

Sono stati istituiti dall’Agenzia delle Entrate con risoluzione n. 120/E del 12/12/2011, che attribuisce ad ogni tributo il codice di riferimento che dovrà utilizzare il contribuente che intende versare soltanto una quota dell'importo complessivo richiestogli con comunicazione d’irregolarità a seguito del controllo automatizzato delle dichiarazioni ex articolo 36-bis del Dpr 600/1973. Vale a dire quando dalla dichiarazione presentata emerge una maggiore imposta rispetto a quella indicata dal contribuente e l’Ufficio invia, prima della cartella di pagamento, una comunicazione di irregolarità in cui riporta le maggiori somme dovute, incluse sanzioni ed interessi. Se il contribuente provvede al versamento di quanto richiesto entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione di irregolarità, beneficiando della riduzione della sanzione a 1/3 di quella ordinaria (10% anziché 30%) e decide di pagare solo una quota delle cifre indicate nella comunicazione di irregolarità, non potrà utilizzare l'allegato modello F24 precompilato, che riporta l'intero importo con il codice tributo 9001, ma dovrà compilare un nuovo F24 utilizzando i codici tributo istituiti dalla suddetta risoluzione identificativi delle diverse imposte, da esporre nella sezione "Erario" in corrispondenza degli "importi a debito versati", indicando il codice atto e l'anno di riferimento presenti nella comunicazione di irregolarità. Per maggiori dettagli si rimanda alla risoluzione in allegato. Ed.131211 Serafinelli
Allegato - 45262 byte
Acconto IRPEF 2011 ridotto all’82 per cento

La notizia è contenuta nel comunicato stampa 23 novembre 2011 del Dipartimento delle Finanze Direzione Comunicazione Istituzionale della Fiscalità con il quale informa che è stato firmato in data 21 novembre 2011, e che è in corso di pubblicazione, il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che prevede, fra l’altro, il differimento del versamento di 17 punti percentuali dell’acconto IRPEF (imposta sul reddito delle persone fisiche) dovuto per il periodo d’imposta 2011. Di conseguenza l’acconto IRPEF dovuto entro mercoledì 30 novembre 2011 ammonterà all’82 per cento anziché al 99 per cento. La differenza sarà versata a giugno del 2012. Pertanto, dato che il primo acconto 2011 è già stato versato il 39,6% dell'intera Irpef 2010, la seconda rata dell'acconto sarà pari al 42,4% della stessa dell'Irpef 2010 (82% - 39,6%). Ai contribuenti che hanno già effettuato il pagamento dell'acconto nella misura del 99 per cento spetta un credito d'imposta pari alla differenza pagata in eccesso, da utilizzare in compensazione con il modello F24 (art. 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241). Per coloro che si sono avvalsi dell'assistenza fiscale, i sostituti d'imposta tratterranno l'acconto applicando la nuova percentuale dell’82 per cento. Qualora sia stato già effettuato il pagamento dello stipendio o della pensione senza considerare tale riduzione, i sostituti d’imposta provvederanno a restituire nella retribuzione erogata nel mese di dicembre le maggiori somme trattenute. Nel caso in cui i sostituti d’imposta non siano in grado di riconoscere la riduzione dell’acconto sulle retribuzioni erogate nel mese di dicembre 2011, gli stessi dovranno comunque restituire le maggiori somme trattenute nella retribuzione successiva. Ed.23112011 Serafinelli
Più facile chiudere entro il 4 ottobre 2011 le partite Iva inattive

Con risoluzione 93/E del 21 settembre 2011(v.allegato) l’Agenzia delle Entrate semplifica ulteriormente gli adempimenti dei titolari di partita Iva inutilizzata. Si tratta di contribuenti in possesso di partita Iva che non presentano la relativa dichiarazione da almeno tre anni oppure non svolgono alcuna attività ed hanno omesso la presentazione della dichiarazione di cessazione attività. Per fruire dell’agevolazione è necessario che il contribuente non abbia esercitato attività d’impresa o di arte e professione e che non abbia effettuato alcuna operazione nei periodi successivi all’anno di effettiva cessazione dell’attività, da indicare nel modello di pagamento. In presenza delle condizioni richieste per beneficiare dell’agevolazione e versando la sanzione si sanano anche le irregolarità legate alla mancata presentazione delle dichiarazioni Iva, nonché delle dichiarazioni dei redditi limitatamente ai redditi d’impresa e lavoro autonomo, con importi pari a zero, in relazione ai periodi successivi all’anno di effettiva cessazione dell’attività che risulta dal modello F24. Per mettersi in regola è sufficiente effettuare il versamento della sanzione minima di 129 euro entro il 4 ottobre 2011 con il modello F24 “Elementi identificativi” compilato in ogni sua parte e senza dover presentare all’Agenzia né la copia del versamento né la dichiarazione di cessazione attività. Questo perché, compilando correttamente in ogni parte il modello di pagamento (v. ris.72E allegata) riportando nella sezione “Contribuente” i dati anagrafici e il codice fiscale di chi effettua il versamento e nella sezione “Erario ed altro”:

  • la lettera “R” nel campo “tipo”;
  • il numero della partita Iva da chiudere nel campo “elementi identificativi”;
  • il codice tributo 8110 nel campo “codice”;
  • l’anno di cessazione dell'attività nel campo “anno di riferimento”,

i dati dei versamenti effettuati con l’F24 dedicato vengono direttamente acquisiti dal Fisco con il confronto con quelli contenuti nel sistema informativo dell’Anagrafe tributaria. E, quindi, non è necessario presentare la dichiarazione di cessazione attività con il modello AA7 (previsto per i soggetti diversi dalle persone fisiche) o il modello AA9 (previsto per le imprese individuali e lavoratori autonomi), perché il versamento effettuato correttamente sostituisce la presentazione della dichiarazione.

Per i contribuenti che non si avvalgano di tale opportunità concessa dal decreto legge 98/2011, l’Agenzia può procedere alla chiusura d’ufficio della partita Iva e all’irrogazione della sanzione fino a 2.065 euro.

Ed.210911

Serafinelli

 

Allegato - 65582 byte
Dal 17 settembre 2011 l’aliquota Iva ordinaria passa dal 20 al 21%

Lo rende noto l’Agenzia delle Entrate nel comunicato stampa datato 16 settembre 2011, a seguito della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della legge n. 148/2011, di conversione del decreto legge n. 138 del 2011, che prevede, tra l’altro, l’aumento dell’aliquota Iva ordinaria dal 20 al 21% (art.2, comma 2-bis). L’Agenzia avverte gli operatori economici di essere già in grado di applicare, dal 17 settembre 2011, la nuova aliquota. Tuttavia, se nella fase di prima applicazione ragioni di ordine tecnico impediscano di adeguare in modo rapido i software per la fatturazione e i misuratori fiscali, gli operatori potranno regolarizzare le fatture eventualmente emesse e i corrispettivi annotati in modo non corretto effettuando la variazione in aumento (art. 26, primo comma, del DPR n. 633 del 1972). La regolarizzazione non comporterà alcuna sanzione se la maggiore imposta collegata all’aumento dell’aliquota verrà comunque versata nella liquidazione periodica in cui l’Iva è esigibile. L’Agenzia si riserva di fornire ulteriori chiarimenti con successivi documenti di prassi amministrativa.

Ed.160911

Serafinelli

Chiusura lite fiscale pendente per importo non superiore a 20.000 euro

In riferimento alla norma approvata con la stabilizzazione finanziaria di luglio 2011, (art. 39, comma 12, Dl 98/2011), tesa a ridurre le cause giacenti presso le Commissioni tributarie o davanti al giudice ordinario, in ogni grado di giudizio, il Direttore dell’Agenzia delle Entrate con provvedimento del 13 settembre 2011 ha approvato il modello e relative istruzioni per chiedere al Fisco la chiusura dei contenziosi tributari, pendenti al 1° maggio 2011, per importi non superiori a 20.000 euro. Sono ammessi alla procedura abbreviata tutti gli atti impositivi, inclusi gli avvisi di accertamento ed i provvedimenti di irrogazione di sanzioni. Per la domanda va utilizzato un modello per ciascuna definizione “abbreviata” e, quindi, per ogni lite. Il modello è composto da un frontespizio e dalle sezioni dove inserire i dati di identificazione di chi ha dato inizio al contenzioso, di chi presenta l’istanza (in caso si tratti di persona diversa dalla prima) e la causa di riferimento. La domanda va inviata, entro il 2 aprile 2012, per via telematica, dai soggetti abilitati, oppure presentata direttamente presso qualsiasi direzione provinciale delle Entrate. La data di inizio invio del modello sarà resa nota a breve dall’Agenzia. Il contribuente riceverà, da chi esegue la trasmissione on line, copia cartacea della richiesta e la copia della comunicazione dell’Agenzia delle Entrate, che attesta il ricevimento dell’istanza e costituisce prova dell’avvenuta presentazione. Tutta la relativa documentazione, comprese le attestazioni dei versamenti effettuati, deve essere conservata dal contribuente fino alla conclusione definitiva del giudizio. Per ciascuna lite fiscale autonoma va effettuato, entro il 30 novembre 2011, in unica soluzione un separato versamento.Gli importi dei versamenti sono: 150 euro per le liti di valore inferiore a 2.000 euro; 10% del valore se l’ultima sentenza è stata favorevole al contribuente; 50% del valore se l’ultima sentenza è stata favorevole all’Agenzia; 30% se non c’è stata ancora alcuna sentenza. Non è consentito il meccanismo della compensazione di cui all’art. 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241. Per la corretta compilazione del modello“F24 Versamenti con elementi identificativi”, si ricorda la risoluzione 82/E del 5 agosto 2011, con la quale sono stati istituiti il codice tributo 8082 e il codice identificativo 71, il primo definisce il versamento, il secondo il soggetto che ha iniziato la causa. L’Agenzia considererà conclusa la procedura soltanto se il pagamento è stato effettuato per intero e se la domanda è stata presentata entro i termini previsti. Nell’ipotesi in cui non vi siano somme da versare, è sufficiente l’invio della richiesta. In caso di errore “scusabile” del contribuente nel fare i conti, l’Amministrazione comunicherà l’ammontare della differenza dovuta e dei relativi interessi. Per maggiori dettagli vedere file in allegato. Ed.140911 Serafinelli
Allegato - 578587 byte
Federalismo fiscale municipale in sintesi

  

Fiscalità immobiliare

A decorrere dall'anno 2011:

sono attribuiti ai comuni, relativamente agli immobili ubicati nel loro territorio, il gettito o quote del gettito dei seguenti tributi:

a) imposta di registro ed imposta di bollo;

b) imposte ipotecaria e catastale;

c) imposta sul reddito delle persone fisiche, in relazione ai redditi fondiari, escluso il reddito agrario;

d) imposta di registro ed imposta di bollo sui contratti di locazione relativi ad immobili;

e) tributi speciali catastali;

f) tasse ipotecarie;

g) cedolare secca sugli affitti;

Per i tributi di cui alle lettere a), b), e) ed f) l'attribuzione del gettito è pari al 30 per cento del gettito stesso.

 

Compartecipazione al gettito Iva

Ai comuni è attribuita una compartecipazione al gettito Iva assumendo a riferimento il territorio su cui si è determinato il consumo che ha dato luogo al prelievo. La percentuale della compartecipazione al gettito Iva è fissata in misura finanziariamente equivalente alla compartecipazione del 2 per cento al gettito dell'imposta sul reddito delle persone fisiche.

In sede di prima applicazione ed in attesa della determinazione del gettito dell'imposta sul valore aggiunto ripartito per ogni comune, l'assegnazione del gettito ai comuni avviene sulla base del gettito dell'imposta sul valore aggiunto per provincia, suddiviso per il numero degli abitanti di ciascun comune.

 

Gettito imposte ipotecaria e catastale

Il gettito delle imposte ipotecaria e catastale relative agli atti soggetti ad imposta sul valore aggiunto resta attribuito allo Stato.

 

Accise

A decorrere dall'anno 2012:

l'addizionale all'accisa sull'energia elettrica cessa di essere applicata nelle regioni a statuto ordinario ed è corrispondentemente aumentata, nei predetti territori, l'accisa erariale in modo da assicurare l’invarianza di gettito.

 

Lotta al sommerso

Per incentivare la partecipazione dei comuni all'attività di accertamento tributario e del gettito tribuario:

a) è assicurato al comune interessato il maggior gettito derivante dall'accatastamento degli immobili non dichiarati in catasto;

b) è elevata al 50 per cento la quota dei tributi statali riconosciuta ai comuni e dagli stessi riscossi a seguito della lotta all’evasione;

c) possibilità di accesso dei singoli comuni all’anagrafe tributaria per la verifica dei dati relativi:

1) ai contratti di locazione ed ogni altra informazione riguardante il possesso o la detenzione di immobili ubicati nel proprio territorio;

2) contratti di somministrazione di energia elettrica, di servizi idrici e del gas relativi agli immobili ubicati nel proprio territorio;

3) ai soggetti che hanno il domicilio fiscale nel proprio territorio;

4) ai soggetti che esercitano nello stesso un'attività di lavoro autonomo o d’impresa;

d) i comuni hanno anche accesso, con le modalità di cui alla lettera c), a qualsiasi altra banca dati pubblica, per la verifica d’immobili presenti ovvero di soggetti aventi domicilio fiscale nel comune, al fine del controllo dell'evasione erariale o di tributi locali.

 

Sanzioni sul mancato accatastamento, variazione di consistenza e di destinazione di immobili

A decorrere dal 1° maggio 2011:

gli importi minimo e massimo della sanzione amministrativa prevista per l'inadempimento degli obblighi di dichiarazione agli uffici dell'Agenzia del territorio degli immobili e delle variazioni di consistenza o di destinazione dei medesimi sono quadruplicati. Il 75 per cento dell'importo delle sanzioni irrogate a decorrere dalla predetta data è devoluto al comune ove è ubicato l'immobile stesso.

 

Cedolare secca sugli affitti

In alternativa rispetto al regime ordinario vigente per la tassazione del reddito fondiario ai fini dell'imposta sul reddito delle persone fisiche, il proprietario o il titolare del diritto reale di godimento di unità immobiliari abitative locate ad uso abitativo può optare il regime della cedolare secca.

A decorrere dall'anno 2011:

il canone di locazione relativo ai contratti aventi ad oggetto immobili ad uso abitativo e le relative pertinenze locate congiuntamente all'abitazione, può essere assoggettato, in base alla decisione del locatore, ad un'imposta, cedolare secca, sostitutiva dell'imposta sul reddito delle persone fisiche e delle relative addizionali, delle imposte di registro e di bollo, sulla risoluzione e sulle proroghe del contratto di locazione.

Sul canone di locazione annuo stabilito dalle parti la cedolare secca si applica in ragione di un'aliquota del 21 per cento. La cedolare secca può essere applicata anche ai contratti di locazione per i quali non è obbligatoria la registrazione. Per i contratti relativi ad abitazioni ubicate nei comuni ad alta tensione abitativa, l'aliquota della cedolare secca è ridotta al 19 per cento.

Obblighi di dichiarazione

Restano, comunque, fermi gli obblighi di presentazione della dichiarazione dei redditi e la registrazione del contratto di locazione

Omessa registrazione

Nei casi di omessa registrazione del contratto di locazione si applica la sanzione amministrativa dal centoventi al duecentoquaranta per cento dell'imposta dovuta.

Versamento della cedolare

La cedolare secca va versata entro il termine stabilito per il pagamento dell'imposta sul reddito delle persone fisiche. Non si fa luogo al rimborso delle imposte di bollo e di registro eventualmente già pagate. Con provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle entrate, da emanare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore del provvedimento (7 aprile 2011), saranno stabilite modalità di esercizio dell'opzione e versamento in acconto della cedolare secca dovuta, nella misura dell'85 per cento per l'anno 2011 e del 95 per cento dal 2012, e del versamento a saldo della medesima.

Dichiarazione dei redditi infedele.

Se nella dichiarazione dei redditi il canone derivante dalla locazione d’immobili ad uso abitativo non è indicato o è indicato in misura inferiore a quello effettivo, le sanzioni amministrative si raddoppiano. Le disposizioni suddette non riguardano le locazioni d’unità immobiliari ad uso abitativo effettuate nell'esercizio di un’attività d'impresa, o d’arti e professioni.

Reddito mimimo

Il reddito derivante dai contratti non può essere, comunque, inferiore al reddito determinabile dall’applicazione delle tariffe d'estimo, stabilite secondo le norme della legge catastale per ciascuna categoria e classe, ovvero, per i fabbricati a destinazione speciale o particolare, mediante stima diretta.

Reddito immobiliare ed  I.S.E.E (indicatore della situazione economica equivalente)

Quando le vigenti disposizioni fanno riferimento, per il riconoscimento di spettanze o per la determinazione di deduzioni, detrazioni o benefici di qualsiasi titolo, anche di natura non tributaria, al possesso di requisiti reddituali, si tiene conto anche del reddito assoggettato alla cedolare secca.

Sospensione aggiornamento del canone di locazione

Nel caso in cui il locatore opti per l'applicazione della cedolare secca è sospesa, per il periodo corrispondente alla durata dell'opzione, la facoltà di chiedere l'aggiornamento del canone, anche se prevista nel contratto a qualsiasi titolo, inclusa la variazione accertata dall'ISTAT dell'indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati verificatasi nell'anno precedente.

Inefficacia dell’opzione

L'opzione non ha effetto se di essa il locatore non ha dato preventiva comunicazione al conduttore con lettera raccomandata, con la quale rinuncia ad esercitare la facoltà di chiedere l'aggiornamento del canone a qualsiasi titolo.

 
Imposta di soggiorno

I comuni capoluogo di provincia, le unioni di comuni  ed i comuni inclusi negli elenchi regionali delle località turistiche o città d'arte possono istituire, con deliberazione del consiglio, un'imposta di soggiorno a carico di coloro che alloggiano nelle strutture ricettive situate sul proprio territorio, da applicare, secondo criteri di gradualità in proporzione al prezzo, sino a 5 euro per notte di soggiorno. Il relativo gettito è destinato a finanziare interventi in materia di turismo, ivi compresi quelli a sostegno delle strutture ricettive ed interventi di manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali locali e relativi servizi pubblici locali.

 

Addizionale comunale all'imposta sul reddito delle persone fisiche

E’ prevista la cessazione, anche parziale, della sospensione del potere dei comuni di istituire l'addizionale comunale all'imposta sul reddito delle persone fisiche, ovvero di aumentare la stessa nel caso in cui sia stata istituita.

 
Imposta di scopo

Entro il 31 ottobre 2011 è disciplinata la revisione dell'imposta di scopo in modo da prevedere l'individuazione di opere pubbliche ulteriori rispetto a quelle già previste e la possibilità che il gettito dell'imposta finanzi l'intero ammontare della spesa per l'opera pubblica da realizzare.

 

Imposta municipale propria

A decorrere dall'anno 2014, è istituita l'imposta municipale propria sugli immobili diversi dall’abitazione principale che andrà a sostituire l'imposta sul reddito delle persone fisiche e le relative addizionali dovute in relazione ai redditi fondiari relativi ai beni non locati.

Esclusioni

L'imposta municipale propria non si applica al possesso dell'abitazione principale ed alle pertinenze della stessa.

Abitazione principale

Si intende per effettiva abitazione principale l'immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore dimora abitualmente e risiede anagraficamente. L'esclusione si applica alle pertinenze classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, nella misura massima di un'unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all'unità ad uso abitativo. L'esclusione non si applica alle unità immobiliari classificate nelle categorie catastali A1, A8 e A9.

Base imponibile

L'imposta municipale propria ha per base imponibile il valore dell'immobile determinato applicando all'ammontare delle rendite risultanti in catasto, vigenti al 1 gennaio dell'anno di imposizione, aggiornate con determinati moltiplicatori.

Nel caso di possesso di immobili non costituenti abitazione principale l'imposta è dovuta annualmente in ragione di un'aliquota dello 0,76 per cento, che i comuni possono, con deliberazione del consiglio comunale adottata entro il termine per la deliberazione del bilancio di previsione, modificare, in aumento o in diminuzione, sino a 0,3 punti percentuali ovvero sino a 0,2 punti percentuali con riduzione fino alla metà in caso di immobile locato.

Applicazione dell'imposta municipale propria

Soggetti passivi dell'imposta municipale propria sono il proprietario di immobili, inclusi i terreni e le aree edificabili, a qualsiasi uso destinati, ivi compresi quelli strumentali o alla cui produzione o scambio è diretta l'attività dell'impresa, ovvero il titolare di diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie sugli stessi. Nel caso di concessione di aree demaniali, soggetto passivo è il concessionario. Per gli immobili, anche da costruire o in corso di costruzione, concessi in locazione finanziaria, soggetto passivo è il locatario a decorrere dalla data della stipula e per tutta la durata del contratto.

L'imposta è dovuta per anni solari proporzionalmente alla quota ed ai mesi dell'anno nei quali si è protratto il possesso. A tal fine il mese durante il quale il possesso si è protratto per almeno quindici giorni è computato per intero. A ciascuno degli anni solari corrisponde un'autonoma obbligazione tributaria.

Versamento dell’imposta

I soggetti passivi effettuano il versamento dell'imposta dovuta al comune per l'anno in corso in due rate di pari importo, scadenti la prima il 16 giugno e la seconda il 16 dicembre. E’ facoltà del contribuente provvedere al versamento dell'imposta complessivamente dovuta in unica soluzione annuale, da corrispondere entro il 16 giugno. Vale a dire in maniera simile a come accade ora per l’Ici. Ma attenzione! A partire dal 1° gennaio 2015, l'imposta è corrisposta con le modalità stabilite dal comune.

Immobili esenti

Sono esenti dall'imposta municipale propria gli immobili posseduti dallo Stato, e quelli posseduti, nel proprio territorio, dalle regioni, dalle province, dai comuni, dalle comunità montane, dai consorzi fra detti enti e, ove non soppressi, dagli enti del servizio sanitario nazionale, destinati esclusivamente ai compiti istituzionali.

Il reddito agrario, i redditi fondiari diversi da quelli cui si applica la cedolare secca, i redditi derivanti dagli immobili non produttivi di reddito fondiario e dagli immobili posseduti dai soggetti passivi dell'imposta sul reddito delle società, continuano ad essere assoggettati alle ordinarie imposte erariali sui redditi.

 

Tributi sul trasferimento immobiliare

A decorrere dal 1° gennaio 2014:

- Aliquota 9 per cento per gli atti traslativi a titolo oneroso della proprietà di beni immobili in genere e atti traslativi o costitutivi di diritti reali immobiliari di godimento, compresi la rinuncia pura e semplice agli stessi, i provvedimenti d’espropriazione per pubblica utilità e i trasferimenti coattivi;

- Aliquota del 2 per cento se il trasferimento ha per oggetto case di abitazione, ad eccezione di quelle di categoria catastale A1, A8 e A9.

L’imposta dovuta non può essere inferiore a 1.000 euro e tutti gli atti assoggettati a tale imposta e le formalità direttamente conseguenti posti in essere per effettuare gli adempimenti presso il catasto ed i registri immobiliari sono esenti dall'imposta di bollo, dalle imposte ipotecaria e catastale, dai tributi speciali catastali e dalle tasse ipotecarie.

 

Imposta municipale secondaria

A decorrere dall'anno 2014:

L'imposta municipale secondaria è introdotta, con deliberazione del consiglio comunale, per sostituire le seguenti forme di prelievo:

-         la tassa per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche:

-         il canone di occupazione di spazi ed aree pubbliche, l'imposta comunale sulla pubblicità e i diritti sulle pubbliche affissioni;

-         il canone per l'autorizzazione all'installazione dei mezzi pubblicitari.

Con l'introduzione del tributo suddetto, è abolita l'addizionale per l'integrazione dei bilanci degli enti comunali di assistenza.

Con regolamento da adottarsi d'intesa con la Conferenza Stato-città ed autonomie locali, è dettata la disciplina generale dell'imposta municipale secondaria, in base ai seguenti criteri:

a) il presupposto del tributo è l'occupazione dei beni appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile dei comuni, nonché degli spazi soprastanti o sottostanti il suolo pubblico, anche a fini pubblicitari;

b) soggetto passivo è il soggetto che effettua l'occupazione; se l'occupazione è effettuata con impianti pubblicitari, è obbligato in solido il soggetto che utilizza l'impianto per diffondere il messaggio pubblicitario;

c) l'imposta è determinata in base ai seguenti elementi:

1) durata dell'occupazione;

2) entità dell'occupazione, espressa in metri quadrati o lineari;

3) fissazione di tariffe differenziate in base alla tipologia ed alle finalità dell'occupazione, alla zona del territorio comunale oggetto dell'occupazione ed alla classe demografica del comune;

d) disciplina delle modalità di pagamento, i modelli della dichiarazione, l'accertamento, la riscossione coattiva, i rimborsi, le sanzioni, gli interessi ed il contenzioso;

e) l'istituzione del servizio di pubbliche affissioni non è obbligatoria e sono individuate idonee modalità, anche alternative all'affissione di manifesti, per l'adeguata diffusione degli annunci obbligatori per legge, e per l'agevolazione della diffusione di annunci di rilevanza sociale e culturale;

f) i comuni hanno la facoltà di disporre esenzioni ed agevolazioni, in modo da consentire anche una più piena valorizzazione della sussidiarietà orizzontale, e per ulteriori modalità applicative del tributo.

 

Indeducibilità dell’imposta municipale

L'imposta municipale propria è indeducibile dalle imposte erariali sui redditi e dall'imposta regionale sulle attività produttive.

 

Norme transitorie

Al fine di assicurare la neutralità finanziaria nei confronti delle regioni a statuto speciale il decreto legislativo n. 23/2011 in argomento è applicabile nel rispetto dei rispettivi statuti e norme speciali. In particolare:

a) nei casi in cui, in base alla legislazione vigente, alle regioni a statuto speciale spetta una compartecipazione al gettito dell'imposta sul reddito delle persone fisiche ovvero al gettito degli altri tributi erariali, questa s’intende riferita anche al gettito della cedolare secca;

b) sono stabilite la decorrenza e le modalità d’applicazione delle disposizioni sulla devoluzione della fiscalità immobiliare nei confronti dei comuni ubicati nelle regioni a statuto speciale, nonché le percentuali delle compartecipazioni all'imposta municipale propria si tiene conto anche dei tributi da essa sostituiti.

Nelle regioni a statuto speciale e nelle province autonome che esercitano le funzioni in materia di finanza locale, le modalità d’applicazione delle disposizioni relative alle imposte comunali istituite con il citato decreto sono stabilite dalle predette autonomie speciali in conformità con i rispettivi statuti e le relative norme di attuazione.

Per un esame più approfondito e completo del provvedimento legislativo 14 marzo 2011 n. 23, in argomento, si consiglia la visione del testo in allegato.

Ed280311

Serafinelli                                                                 

Allegato - 113058 byte
In vigore dal 7 aprile 2011 le disposizioni sul Federalismo Fiscale Municipale

Lo stabilisce il Decreto Legislativo n. 23 del 14 marzo 2011, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 67 del 23 marzo 2011. Il provvedimento, composto di 14 articoli, contiene interessanti novità, in quanto dispone su:

- Devoluzione ai Comuni della fiscalità immobiliare;

- Cedolare secca sugli affitti;

- Imposta di soggiorno;

- Addizionale comunale all'imposta sul reddito delle persone fisiche;

- Imposta di scopo;

- Federalismo fiscale municipale;

- Imposta municipale propria e secondaria;

- Applicazione dei tributi sul trasferimento immobiliare;

- Finanza pubblica;

- Fondo perequativo per Comuni e Province;

- Ambito di applicazione del decreto legislativo, regolazioni finanziarie e norme transitorie. Per un esame approfondito del provvedimento V.allegato

Ed.240311

Serafinelli

Allegato - 113058 byte
Anche per il 2011 il beneficio dell’imposta sostitutiva del 10% sugli incrementi di produttività

 

L’agevolazione fiscale, introdotta per il 2008 e poi prorogata, con alcune modificazioni, per il 2009 e per il 2010, sulle componenti accessorie della retribuzione corrisposte ai lavoratori dipendenti del settore privato per incrementi di produttività, è stata confermata anche per il 2011 con il limite reddituale dell’anno precedente, elevato, per l’accesso al beneficio, da 35mila a 40mila euro e con 6mila euro di limite complessivo di retribuzione detassabile ad imposta sostitutiva del 10%.

Non occorre un documento cartaceo a giustificare il diritto. Sarà il datore di lavoro a certificare nel modello Cud, rilasciato ai dipendenti, che le somme si riferiscono ad incrementi di produttività e che sono state erogate in base a uno specifico accordo o contratto collettivo territoriale o aziendale. Il datore di lavoro dovrà, poi, se richiesta, fornire la prova che  sono relative ad incrementi di produttività, qualità, redditività, innovazione ed efficienza organizzativa, in relazione a risultati riferibili all’andamento economico o agli utili della impresa od ogni altro elemento rilevante ai fini del miglioramento della competitività aziendale. 

Il chiarimento è contenuto nella circolare congiunta dell’Agenzia delle Entrate - Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 3/E del 14 febbraio 2011, contenente, tra l’altro, ulteriori chiarimenti sulla tassazione sostituiva delle retribuzioni accessorie connesse ad incrementi di produttività.

In particolare è chiarito che sono detassate, nei limiti previsti, lo straordinario (sia a forfait o “in senso stretto”), il tempo parziale, il lavoro notturno e quello festivo, le indennità di turno e le maggiorazioni per lavoro normalmente prestato in base ad un orario articolato su turni e a condizione che siano correlate ad incrementi di produttività, competitività e redditività. Per i lavoratori in somministrazione, le modalità d’applicazione dell’agevolazione devono essere definite dai contratti collettivi aziendali o territoriali applicati dall’utilizzatore. Sono agevolabili anche i ristorni ai soci delle cooperative se collegati ad un incremento di produttività e se riconducibili ad accordo collettivo. (V.allegato)…

Ed.150211

Serafinelli

Allegato - 87506 byte
Dal 1° gennaio 2011 il tasso d’interesse legale sale all’1,5% e dal 1° febbraio 2011 aumentano le sanzioni per ravvedimento operoso

A decorrere dal 1° gennaio 2011 il saggio d’interesse legale su base annua, di cui all'art. 1284 del codice civile, sale dall’1% all’1,5%. Lo stabilisce il Ministro dell'Economia e delle Finanze con Decreto 7 dicembre 2010, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 292 del 15 dicembre 2010. L’aumento produrrà, tra l’altro, anche un maggior costo per coloro che si avvarranno del ravvedimento operoso, per il quale è, anche, previsto, dal 1° Febbraio 2011, a seguito delle modifiche introdotte dalla Finanziaria 2011 (patto di stabilità 2011 – 2013), aumenti di sanzioni per ritardato o omesso versamento di imposte ed omessa presentazione della dichiarazione annuale. Ed.201210 Serafinelli - (V.tabella in allegato)
Allegato - 153283 byte
Precedenti






Official Web Site: Confesercenti.it Web Master: Elzevira