Seguici su Twitter | | Venerdì, 24 Novembre 2017 | English Version
Rete Imprese Italia
Home Chi siamo Associazioni di settore Rete territoriale Enti e società Servizi e Uffici centrali Europa
Comunicati Stampa Appuntamenti Per il Sistema Convenzioni Contatti e links

Login
Registrati
Scrivi al sito

News dalle Categorie


CANONI DEMANIALI: SI APRE UNO SPIRAGLIO PER LE 300 IMPRESE BALNEARI A RISCHIO

Comunicato stampa congiunto
Allegato - 203716 byte
TURISMO: LARDINELLI CONFERMATO ALLA GUIDA DELLA FIBA-CONFESERCENTI

Allegato - 227200 byte
STABILIMENTI BALNEARI - Comunicato Stampa Congiunto . 13 dicembre

BALNEARI: LA PROROGA AL 2020 NON RISOLVE I PROBLEMI DELLA CATEGORIA

La proroga di cinque anni della scadenza delle concessioni demaniali, votata oggi dalla Camera con il così detto decreto sviluppo bis, non risolve certamente il problema di fornire certezze alle 30.000 imprese del settore, ma ... leggi tutto

Allegato - 129070 byte
STABILIMENTI BALNEARI: ESTATE BREVE PER METEO E CRISI. ITALIANI AL MARE SOLO AD AGOSTO E NEI W.E. CALANO ANCHE I CONSUMI SOTTO L’OMBRELLONE (-20%)

STABILIMENTI, CONSUNTIVO STAGIONE 2012. FIBA-CONFESERCENTI: “ESTATE BREVE PER METEO E CRISI: ITALIANI AL MARE SOLO AD AGOSTO E NEI WEEKEND. CALANO ANCHE I CONSUMI SOTTO L’OMBRELLONE, A -20%. PESA IL COSTO DELLA BENZINA: SPIAGGE COLLEGATE CON I MEZZI PUBBLICI RESISTONO MEGLIO”

 

Il meteo inusuale e la crisi hanno accorciato le ferie in spiaggia degli italiani. Che sono andati al mare con meno frequenza e prestando maggiore attenzione alla spesa. E’ quanto emerge dai risultati di un sondaggio consuntivo condotto da Fiba-Confesercenti, l’associazione di categoria che riunisce gli imprenditori balneari, sulla stagione estiva 2012.

“Il calo delle presenze – segnalano gli stabilimenti – ha colpito praticamente tutte le spiagge a pagamento d’Italia, che hanno visto diminuire dal 5% al 15% la propria clientela. La riduzione delle presenze si è accompagnata a una consistente (-20%) flessione dei consumi all’interno degli stabilimenti. Quest’anno, insomma, gli italiani sono andati in spiaggia facendo più attenzione al portafoglio, e hanno risparmiato su ombrelloni, sdraio, cibi e bevande”. 

“I cattivi risultati, però, non sono da addebitare solamente alla crisi. L’inizio della stagione 2012 - spiegano gli imprenditori balneari - è stato rallentato dai weekend nuvolosi di maggio e giugno. Il cattivo avvio dell’estate è stato in parte recuperato a luglio e, soprattutto, ad agosto, quando il gran caldo ha riportato gli italiani sulla spiaggia”.

“Il bilancio, però, resta negativo:  quest’estate sono diminuiti non solo i clienti totali ma, inaspettatamente, anche i bagnanti giornalieri, cioè quelli che affittano l’ombrellone per un solo giorno, fra il lunedì e il venerdì. Si segnala invece un aumento delle presenze nei weekend della clientela - sottolinea Fiba Confesercenti - composta in maggioranza da soggetti provenienti dai Comuni della propria provincia e dal Comune in cui è ubicata l’impresa balneare e che soggiorna in abitazioni private (di vacanza e/o di residenza). A resistere meglio, comunque, sono state le spiagge libere attrezzate e quelle raggiungibili con i mezzi pubblici: segno che il caro-benzina ha pesato anche sul tradizionale assalto alla spiaggia estivo”.

“Agli esiti di un quadro stagionale non positivo - commenta il presidente della Fiba-Confesercenti, Vincenzo Lardinelli - si aggiunge l’incertezza di interpretazione normativa riguardante la direttiva Bolkestein.
 Il problema va affrontato subito perché ci sono in ballo migliaia di posti di lavoro ed il futuro del settore balneare che rischia di saltare se si passasse alla messa a gara delle concessioni demaniali”.

Roma, 31 agosto 2012

COMUNICATO APPELLO CONGIUNTO BALNEATORI - sciopero 3 agosto 2012

APPELLO
Per venerdì 3 agosto le nostre organizzazioni, com’è noto, hanno invitato i loro associati, e non solo, ad erogare i servizi di spiaggia, salvataggio escluso, a partire dalle ore 11 anziché dall’ora consueta. Semplificando: due ore di sciopero..... (leggi tutto)

Allegato - 465752 byte
Comunicato Stampa - TURISMO: LARDINELLI, “UN’ESTATE DI PROTESTA PER RIAVVIARE DIALOGO CON GOVERNO”

TURISMO: LARDINELLI, “UN’ESTATE DI PROTESTA PER RIAVVIARE DIALOGO CON GOVERNO”

L’agitazione decisa dai balneari per il prossimo 3 agosto è soltanto la prima di una lunga serie di proteste che saranno realizzate fino al termine della stagione estiva...leggi tutto

Allegato - 84992 byte
Comunicato Stampa Congiunto: TURISMO: BALNEARI, IL 3 AGOSTO OMBRELLONI CHIUSI PER PROTESTA

TURISMO: BALNEARI, IL 3 AGOSTO OMBRELLONI CHIUSI PER PROTESTA

Il prossimo tre agosto i balneari di tutta Italia incroceranno gli ombrelloni in segno di protesta per manifestare contro il silenzio del Governo riguardo ai problemi della categoria.....leggi tutto

Allegato - 126976 byte
Comunicato Stampa - TURISMO: Stabilimenti balneari – Rischio chiusura spiagge

Allegato - 83456 byte
Comunicato Stampa Congiunto - TURISMO: incontro Balneari-ANCI

TURISMO: incontro BALNEARI - ANCI
Allegato - 127488 byte
TURISMO: 131 BANDIERE BLU 2012 GRAZIE ANCHE ALLE IMPRESE BALNEARI. GALLI, “UNA LEGGE EQUA PER PREMIARE IMPEGNO ED INVESTIMENTI”

TURISMO: 131 BANDIERE BLU 2012 GRAZIE ANCHE ALLE IMPRESE BALNEARI. GALLI, “UNA LEGGE EQUA PER PREMIARE IMPEGNO ED INVESTIMENTI”

Allegato - 179022 byte
BALNEARI. Manifestazione congiunta a Roma 18 aprile ore 10.30


Mercoledì 18 aprile 2012, a Roma, presso il Palazzo dei Congressi dell’Eur, ingresso in Viale della Pittura n. 50, con inizio alle ore 10,30 le nostre Organizzazioni hanno indetto una grande Manifestazione dal titolo
CONFISCARE 30.000 IMPRESE BALNEARI SERVE ALL’ITALIA?
Lo chiediamo ai nostri Amministratori

foto1 foto2 foto3 foto 4

Allegato - 127488 byte
BALNEARI: UE, CHIUDERE IL CONTENZIOSO SULLE CONCESSIONI PER OTTENERE LA DEROGA

FIBA-ASSOTURISMO Confesercenti                       SIB-FIPE Confcommercio

Comunicato congiunto

Roma, 23 giugno 2011 

TURISMO: UE, CHIUDERE IL CONTENZIOSO SULLE CONCESSIONI BALNEARI PER OTTENERE LA DEROGA 

“E’ necessario migliorare i rapporti con l’Unione Europea, chiudendo l’infrazione in materia di concessioni turistico-ricreative attraverso la legge comunitaria 2010, attualmente all’esame della Camera dei Deputati, al fine di favorire un confronto sereno e, ci auguriamo, costruttivo in ordine all’uscita della categoria dalla Direttiva Bolkstein che prevede il rinnovo dei titoli mediante l’evidenza pubblica”.Questa la richiesta che la FIBA Federazione Italiana Imprese Balneari – ASSOTURISMO/Confesercenti e il SIB Sindacato Italiano Balneari – FIPE/Confcommercio hanno formulato, oggi, nel corso dell’incontro con il Ministro per i Rapporti con le Regioni Raffaele Fitto.Tale richiesta è stata condivisa dal Ministro, dagli Assessori regionali al Turismo  presenti alla riunione e dalle altre Associazioni di categoria,  insieme alla opportunità di sfruttare l’incontro tra il Governo italiano e quello comunitario per ottenere anche il riconoscimento nei confronti delle imprese balneari italiane di quelle peculiarità che le rendono uniche in Europa e nel mondo. 

Allegato - 69429 byte
TURISMO: BALNEARI SUL PIEDE DI GUERRA – PETIZIONE FIBA AL CAPO DI STATO

Comunicato stampa del 19 maggio 2011
Allegato - 68072 byte
TURISMO: LE BANDIERE BLU 2011 A 125 LOCALITÀ RIVIERASCHE

Comunicato stampa del 10 maggio 2011
TURISMO: LE BANDIERE BLU 2011 A 125 LOCALITÀ RIVIERASCHE

Allegato - 69930 byte
MIGLIAIA DI IMPRENDITORI BALNEARI A ROMA PER DIFENDERE LA CATEGORIA

Sostegno da esponenti politici dei vari schieramenti  

Grande partecipazione e tensione alla manifestazione odierna degli imprenditori balneari giunti da tutta Italia organizzata a Roma dal SIB-Fipe/Confcommercio e dalla FIBA – Confesercenti alla quale hanno aderito anche la CNA e alcune delegazioni regionali dell’Assobalneari e dell’ITB. Gli imprenditori, indossando le tradizionali magliette del salvataggio, hanno colorato piazza Navona con ombrelloni, bandiere, striscioni ecc.  Importante il contributo fornito da alcuni esponenti politici dei vari schieramenti, tra i quali: il sindaco di Roma Gianni Alemanno, Francesco Rutelli, Tonino Di Pietro, Massimo Baldini, Manuela Granaiola, Massimo Vannucci, Salvatore Piscitelli, Carlo Ciccioli, Giovanni Legnini, Deodato Scanderebech e Alfonso Andria. E’ stata molto contestata la mancata disponibilità del Presidente del Consiglio a ricevere una delegazione che avrebbe voluto instaurare un confronto costruttivo in ordine alle tematiche che stanno mettendo in serio pericolo la sopravvivenza di 30.000 imprese balneari e il lavoro di oltre 1.000.000 di persone.  

I balneari avrebbero voluto ottenere da parte di Berlusconi assicurazioni sul fatto che il Governo è seriamente intenzionato a garantire un provvedimento legislativo in ordine all’interpretazione autentica della possibilità di avere una deroga dalla Direttiva comunitaria nei confronti della categoria.  Il sindaco Alemanno si è reso disponibile ad organizzare un gruppo di lavoro costituito dai sindaci delle maggiori località balneari al fine di portare la voce di queste comunità a Bruxelles a difesa di un settore che svolge un ruolo vitale e determinante  per l’economia dei litorali italiani. E’ necessario avere risposte dalle Forze Politiche e dal Governo sulla possibilità, evidenziata oggi da alcuni interventi in piazza, che è realizzabile evitare la pubblica evidenza, in sede di rinnovo dei titoli concessori, mediante la formale disapplicazione della Direttiva servizi al settore balneare.Questa posizione è già stata autorevolmente presentata al Senato con due Ordini del giorno firmati sia dalla maggioranza (Tancredi, Quagliarello e Gasparri), che dall’opposizione (Di Pietro).  

E’ stata altresì ribadita che è indispensabile un riordino urgente della normativa che regolamenta le concessioni turistico ricreative, (dai canoni al periodo transitorio), da concretizzare attraverso una legge-quadro nazionale che preveda, nel rispetto del diritto comunitario vigente e del fondamentale legittimo affidamento delle imprese attualmente operanti, una disciplina transitoria di adattamento dal vecchio al nuovo sistema che vada ben oltre il 31 dicembre 2015. La categoria continua, comunque, lo stato di agitazione e programmerà una serie di iniziative anche nel corso della stagione estiva che saranno calibrate in base alle risposte che il Governo fornirà in ordine alle problematiche segnalate dalle Organizzazioni sindacali. 

TURISMO: PROTESTA BALNEARI IL 5 APRILE DI NUOVO A ROMA PER SOPRAVVIVERE

Oltre 6.000 imprenditori balneari si riuniranno a piazza Navona davanti al Senato per difendere una categoria di 30.000 imprese e un milione di addetti.
Allegato - 69180 byte
MANIFESTAZIONE NAZIONALE DELLA CATEGORIA STABILIMENTI BALNEARI - Roma, 5 aprile 2011

Allegato - 92729 byte
Fiba a BALNEARIA2011 - Convegno Unitario

La Federazione, rappresentativa delle imprese turistico balneari di Confesercenti, ha organizzato, in occasione della Manifestazione fieristica “Balnearia” in programma a Marina di Carrara dal 28 al 31 gennaio p.v., un importante Convegno Nazionale.

L’iniziativa si terrà sabato 29 gennaio 2011 alle ore 11,00 presso la Sala Convegni dell’Ente Fiera di Marina di Carrara e sarà centrato sull’attuale tema del rinnovo delle concessioni demaniali marittime e sulle prospettive e garanzie di lavoro e di impresa che si presentano per gli operatori di questo settore, così determinante per lo sviluppo e l’affermazione dell’offerta turistica italiana.

Nel corso dei lavori verrà presentata una ricerca, commissionata dalla nostra Federazione alla Facoltà di economia dell’Università degli studi di Bari, sulla situazione del demanio marittimo alla luce delle recenti disposizioni in materia comunitaria, presentata da due illustri docenti universitari.

Seguiranno gli interventi dei rappresentanti nazionali delle Federazioni di categoria, invitati dalla Fiba a partecipare alla manifestazione.

Allegato - 93604 byte
Nuovo incontro tra il ministro Raffaele Fitto, l’on. Sergio Pizzolante e le rappresentanze balneari. Video in esclusiva con le dichiarazioni del Ministro Fitto al termine della riunione.

http://www.fibaconfesercenti.com/news.asp?news_id=55

Roma 28 luglio 2010

Si è svolto questo pomeriggio l’incontro organizzato dall’On. Sergio Pizzolante al Ministero per i Rapporti con le Regioni e la Coesione Territoriale, in via Della Stamperia a Roma, tra il Ministro Raffaele Fitto - accompagnato dal suo staff - e le imprese balneari rappresentate dai rispettivi presidenti nazionali: Vincenzo Lardinelli per la FIBA Confesercenti, Borgo per SIB Confcommercio, Papagni Assobalneari Confindustria, Mussoni Oasi Confartigianato e Tomei Assobalneatori CNA.

Dopo un serrato confronto sui temi legati alla nuova Direttiva Servizi svoltosi direttamente tra il Ministro e i presidenti, è emersa la necessità di predisporre un documento condiviso tra le organizzazioni, da proporre in Conferenza Stato Regioni, che possa garantire la continuazione e lo sviluppo di un eccellente modello turistico come quello balneare tradizionalmente presente in Italia, che pone la nostra nazione al vertice mondiale del settore.

La riunione si è conclusa con un intesa sul lavoro da svolgere nella maniera più rapida possibile nelle prossime settimane malgrado il periodo estivo, e si è indicata una data di massima per il prossimo incontro per la fine del mese di settembre.

Video in esclusiva per il sito Fiba Confesercenti con le dichiarazioni del Ministro Raffaele Fitto al termine dell’incontro di oggi. Clicca qui

Convegno Unitario stabilimenti balneari a Balnearia - Marina di Carrara 10 marzo 2010

FIBA – Confesercenti, OASI – Confartigianato, Assobalneari Italia - Confindustria e SIB - Confcommercio organizzano un Convegno Nazionale nell’ambito della Fiera ‘Balnearia’ a Marina di Carrara  

Mercoledì 10 marzo 2010 alle ore 10,30 presso la Sala Canova/Bernini 1° Piano - Centro Servizi

“LE PROPOSTE DEGLI IMPRENDITORI BALNEARI VERSO UNA LEGGE QUADRO SUL NUOVO DEMANIO MARITTIMO”Interverranno:On.le Claudio Morganti(Parlamentare Europeo) Sen. Massimo Baldini(Segretario della 8ª Commissione permanente Lavori pubblici, comunicazioni) Vincenzo Lardinelli(Presidente FIBA – Confesercenti) Giorgio Mussoni(Presidente Oasi – Confartigianato) Renato Papagni(Presidente Assobalneari Italia – Confindustria) Riccardo Borgo(Presidente SIB – Confcommercio) Paolo Cocchi(Assessore al Turismo Regione Toscana) Sono stati, inoltre, invitati Onorevoli e Senatori delle varie forze politiche, rappresentanti amministrativi regionali e comunali, l’ANCI Turismo e la Capitaneria di Porto.

Concessioni Demaniali: Balneari soddisfatti per il 2015

Allegato - 80069 byte
CENTO OASI - la rivista estiva di Fiba

CENTO OASI
la rivista dell'estate
CANONI DEMANIALI - Differimento al 31 ottobre 2006

nota del 21 luglio 2006
Differimento termine canoni demaniali
Legge 17 luglio 2006, n. 234 

Nessuna proroga per i canoni

Il Consiglio dei Ministri nella riunione del 22 dicembre 2005, non ha inserito il provvedimento di proroga sui canoni demaniali, nonostante le assicurazioni che ci erano pervenute.
La Federazione rimane sconcertata da questo atteggiamento ondivago del Governo su un problema di così vitale importanza per la categoria degli imprenditori turistici balneari.
Ci riserviamo di comunicare ulteriori informazioni sull'argomento, ferma restando la dura presa di posizione rispetto a questa assenza di provvedimento.
Approvato differimento di termine aumento canoni demaniali al 10 dicembre 2005

Il termine per la rideterminazione dei canoni demaniali marittimi è stato prorogato  con il decreto-legge 2 novembre 2005, n. 223 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale di giovedì 3 novembre 2005, numero 256. Il decreto dispone che, al fine di consentire la definizione del procedimento istruttorio in corso, in relazione alla rideterminazione dei canoni demaniali marittimi per concessioni ad uso turistico-ricreativo, il termine già differito, da ultimo, con il decreto legge 115/2005 al 31 ottobre 2005, è ulteriormente prorogato al 10 dicembre 2005.

Turismo: Canoni demaniali Accordo tra associazioni di categoria dei balneari

Fiba Confesercenti insieme al Sib Confcommercio e Oasi Confartigianato hanno sottoscritto, in maniera congiunta, un documento unitario con una nuova ipotesi di determinazione degli aumenti dei canoni demaniali marittimi per uso turistico ricreativo.

La proposta è stata trasmessa alla Presidenza del Consiglio dei Ministri in vista dell'ormai prossima scadenza del 30 ottobre, data entro la quale il Governo dovrà assumere una decisione definitiva sulla questione degli aumenti dei canoni demaniali.

L'ipotesi concordata garantirebbe allo Stato un gettito superiore a quello preventivato con l'aumento indiscriminato dei canoni del 300% consentendo una sopravvivenza delle imprese turistiche balneari, già provate da una stagione nerissima per la diminuzione delle presenze turistiche, dal calo dei consumi e, per quelle del settore adriatico, dalle recenti mareggiate che hanno provocato ingenti danni alle strutture.

La Federazione attende adesso una immediata riunione del tavolo tecnico di concertazione per una rapida soluzione al problema dei canoni demaniali.







Official Web Site: Confesercenti.it Web Master: Elzevira