Seguici su Twitter | | Lunedì, 25 Settembre 2017 | English Version
Rete Imprese Italia
Home Chi siamo Associazioni di settore Rete territoriale Enti e società Servizi e Uffici centrali Europa
Comunicati Stampa Appuntamenti Per il Sistema Convenzioni Contatti e links

Login
Registrati
Scrivi al sito



Rete imprese italia
Rinvio Ecobonus, Rete Imprese: "Misure vanno confermate in prossimo CDM"

E in una lettera al Ministro dell’Ambiente chiesta proroga per mappatura impianti refrigerazione

Rete Imprese Italia auspica che il prossimo Consiglio dei Ministri confermi l’annunciata proroga dei due bonus del 55% per la riqualificazione energetica degli edifici e del 50% per le ristrutturazioni edilizie. Tali agevolazioni si sono dimostrate, infatti, uno strumento efficace di sostegno e rilancio delle attività produttive fornendo, da un lato, un contributo al raggiungimento degli obiettivi che l’Italia si è impegnata a rispettare in materia di riduzione delle emissioni climalteranti e, dall’altro, un importante supporto per lo sviluppo delle imprese che operano nelle numerose attività connesse al settore. Prorogare le detrazioni significa, inoltre, assicurare positivi effetti economici derivanti dallo stimolo agli investimenti e dall’emersione dell’attività illegale.

E sempre in materia ambientale, in una lettera inviata al Ministro dell’Ambiente, Andrea Orlando, Rete Imprese Italia chiede con urgenza una proroga dei termini, in scadenza il prossimo 31 maggio, per l’invio telematico da parte delle imprese e dei privati dei dati relativi agli impianti di refrigerazione contenenti gas fluorurati.
Nella lettera – a firma del presidente Carlo Sangalli – si evidenzia come questa disposizione, entrata in vigore solo il 14 maggio scorso con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, concede un periodo di tempo troppo esiguo agli operatori proprietari o conduttori di tali impianti comportando, di fatto, l’impossibilità pratica dell’operazione ed esponendo, di conseguenza, le imprese al rischio di incorrere in elevate sanzioni per la mancata comunicazione dei dati.
Per Rete Imprese Italia si tratta, dunque, di un’ennesima complicazione burocratica che, in assenza di un congruo rinvio dei termini, avrà inevitabili ricadute negative su cittadini e imprese. Una complicazione che, peraltro, poteva essere evitata viste le numerose segnalazioni di malfunzionamenti del sistema telematico già riscontrate dalle imprese in questi giorni.












Official Web Site: Confesercenti.it Web Master: Elzevira